Massimiliano Civica, per un teatro necessario

Procede il ciclo di incontri online nell’ambito del progetto Sapienza Per un teatro necessario. Il 9 dicembre Guido Di Palma e Andrea Porcheddu si son dati appuntamento virtuale con Massimiliano Civica.

Civica gode di un talento (tra i tanti): è in grado, come Porcheddu sottolinea, di provocare con pacatezza e garbo, come fosse immune da passioni, essendo invece animato da una passione che non si consuma in vampate, ma è fuoco costante. E dunque «il teatro non c’entra nulla con l’opera d’arte» è la prima istigazione a riflettere, giacché «il teatro è il teatro», continua. Sembrano paradossali massimi sistemi, è invece un fatto tutto di concretezza. Il teatro per Civica è una cosa più simile al rito, o al basket, è un gioco al cui centro sta l’attore, che per un buffo lapsus Civica più volte chiama autore. Massimiliano Civica è un regista che, ha bisogno di tempo. Un tempo per tradurre o lavorare ai testi (anche anni, se necessario), un tempo per “torturare” gli attori con la memoria, un tempo necessario perché gli attori trovino un certo agio e una certa libertà. Questo tempo di gestazione lungo – lungo per i tempi striminziti in cui si fa il teatro oggi, certo non in assoluto – è compensato dalla fiducia con cui consegna lo spettacolo agli attori, senza affezionarsi alla paternità. Non gli importa di essere tradito nelle intenzioni comunicative, non interessa a lui la “restituzione” del suo punto di vista, ma la condivisione. Gli importa che sia autentica la relazione che fa accadere il teatro e riesce a sospendere il tempo. Con questo obiettivo scegli i testi su cui lavorare, si muove tra drammaturgia contemporanea e classici greci, giacché «nei fatti umani non c’è progresso, ma solo evoluzione», dice, «i sentimenti sono sempre gli stessi. […] È l’eterno contemporaneo dell’essere umano: morte, amore, amicizia, dolore». I nodi mai sciolti dell’uomo sono, per lui, la chiave per entrare in relazione col pubblico, per dar vita a quello che definisce un «teatro d’arte popolare».

Oltre a essere un regista, Civica è anche uno sperimentatore che si muove all’interno dell’istituzione, direttore artistico del Teatro della Tosse tra il 2007 e il 2010, consulente artistico, ora, del Teatro Metastasio di Prato. Non si può quindi non passare sui carboni ardenti, la questione bruciante che l’emergenza sanitaria ha acceso più che mai: le contraddizioni del sistema teatrale italiano.

Fin dalla chiusura di marzo, Civica ha preso parte alla discussione, sui social e non solo, (mi torna in mente il suo intervento su Doppiozero a riguardo, alla vigilia della riapertura estiva) e anche qui, con il garbo e la pacatezza di cui sopra, sottolinea come l’autoconservazione del teatro italiano riguardi soltanto i numeri, il mina la funzione del teatro pubblico. Ma la struttura-teatro non può prescindere da un aspetto economico e quindi «finché non si troverà un sistema che renda economicamente conveniente assumersi un rischio artistico, i nostri teatri tenderanno all’autoconservazione».

Per parte sua, Civica al Metastasio, insieme al direttore Franco D’Ippolito, tenta al meglio di dare una risposta al momento, con l’utopia – «tutto quello che ha senso è utopico», dice – del Gruppo di lavoro artistico: attingendo ai grandi finanziamenti che lo Stato ha destinato alle strutture, sono stati scritturati dieci artisti (drammaturghi, attori) e cinque registi dell’aria di ricerca per otto mesi, per lavorare a diversi progetti, radiodrammi, sceneggiati, spettacoli che a un certo punto debutteranno. Il lavoro di questi dieci artisti ricade, chiaramente, su scenografi, costumisti, musicisti. È un esperimento, un modo per fare formazione, per incrociare percorsi e creare scambi. «Serve indignazione», come non esser d’accordo, agire con indignazione, perché oltre che i paramenti ministeriali, che Di Palma sottolinea essere «non neutri, ma espressione di una visione del mondo», il problema del sistema italiano è anche morale, di onesta gestione della cosa pubblica.

Parafrasando Armstrong Civica risponde alla domanda, interrogativo ricorrente nei diversi incontri, Che cos’è il teatro?: «Se chiedi a un musicista cos’è il jazz, non lo saprai mai». Siamo in chiusura ma la questione resta felicemente aperta.

Foto di Ilaria Costanzo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.