In Marcia di Hosteria Fermento: sulla strada del ritorno

«Durante la marcia reggersi agli appositi sostegni»

È l’avvertenza prima dell’uso, riportata in grande, su un pannello luminoso sul fondo del palco. Proprio come un foglietto illustrativo, prima di cominciare lo spettacolo o a spettacolo iniziato – nostra la scelta – i tre protagonisti ci introducono alla scena. Siamo qui e ora, in un qui qualunque a un’ora qualunque, perché la storia che stiamo per ascoltare trascende lo spazio e il tempo e si adatta a qualsiasi realtà. Siamo noi e loro, noi pubblico, loro attori, loro soldati – protagonisti dichiarati della spedizione di ritorno dalla Guerra.

In Marcia è il terzo progetto di residenza e di spettacolo di Over Emergenze Teatrali, realizzato da Argot Produzioni e Compagnia NEST. Hosteria Fermento, la compagnia vincitrice del Premio OVER 2020, ha avuto la possibilità di lavorare al proprio spettacolo durante la residenza tenutasi al NEST di Napoli ed è andata in scena il 14 e 15 maggio presso Argot Studio a Roma. Marco Valerio Montesano, Michele Enrico Montesano e Francesco Pietrella, autori e registi di questo spettacolo, hanno scelto di raccontare la Guerra spogliandola di quell’eroismo fittizio che si è soliti celebrare. I protagonisti sono i tre superstiti di un plotone abbandonato nella terra nemica, i quali disillusi, stremati e affamati continuano la marcia guidati dall’eco degli ordini di un colonnello che oramai li ha dimenticati. 

In Marcia | Hosteria Fermento, ph. Giacomo De Angelis
In Marcia | Hosteria Fermento
ph. Giacomo De Angelis

Come spesso ripetono i protagonisti «bisogna attenersi al protocollo» quando si è in guerra. Il protocollo serve a mantenere l’ordine, a gestire il pericolo, a non avere paura. Bisogna attenersi al protocollo anche quando la guerra è finita, per tornare a casa, per non sbagliare strada, per saper affrontare il nemico. La guerra però qui diventa simbolo del legame padre-figlio e denuncia le colpe dei padri che da sempre ricadono sui figli. È una critica sociale e generazionale che mette al centro quel senso di spaesamento e abbandono che colpisce noi giovani. Perché dover riparare da soli ai danni fatti dai nostri padri? A che scopo proseguire guerre di cui non condividiamo i principi?

Il protocollo diventa allora solo uno strumento col quale provare a interrompere il flusso di pensieri, una serie di frasi prive di senso da smembrare e ricomporre. Per questo motivo in scena Sebastiano Bronzato, Simone Chiacchiararelli, Marco Valerio Montesano e Michele Enrico Montesano parlano veloci, pungenti, giocano con le assonanze e creano nuovi significati. È uno spettacolo ritmico, una sinergia di parola e corpo che abbandona la pretesa del realismo. La quarta parete viene rotta continuamente, non è chiaro dove inizi la finzione e dove finisca, i movimenti sono esasperati, i dialoghi rapidissimi con continui cambi di tono. Lo scopo non è quello di fingere che sia reale – poiché questa è già la realtà – ma parlare direttamente allo spettatore, fare appello alla sua sensibilità e spingerlo ad agire.

In Marcia | Hosteria Fermento
ph. Giacomo De Angelis
In Marcia | Hosteria Fermento
ph. Giacomo De Angelis

In Marcia

Drammaturgia e regia Marco Valerio Montesano, Michele Enrico Montesano, Francesco Pietrella

Interpreti Sebastiano Bronzato, Simone Chiacchiararelli, Marco Valerio Montesano, Michele Enrico Montesano

Produzione Argot Produzioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.