Peter Brook

“Peter Brook: un ricordo” al Teatro Argentina

L’ATTORE E IL PERFORMER: TRADIZIONE E RICERCA
MEMORIE TEATRALI DI FINE MILLENNIO

Teatro Argentina – sala Squarzina, 23 ottobre 2022 – ore 11.00
Peter Brook: un ricordo
Docufilm di Ferruccio Marotti
dall’Archivio Storico Audiovisivo del Centro Teatro Ateneo
Dipartimento di Storia Antropologia Religioni Arte Spettacolo – Sapienza Università di Roma
in collaborazione con Teatro di Roma – Teatro Nazionale e Fondazione Romaeuropa
introduzione di Guido Di Palma

Proseguono gli appuntamenti di L’attore e il performer: tradizione e ricerca. Memorie teatrali di
fine millennio
dall’Archivio Storico Audiovisivo del Centro Teatro Ateneo – Dipartimento di Storia
Antropologia Religioni Arte Spettacolo – Sapienza Università di Roma.

Una serie di eventi per recuperare, valorizzare e fa conoscere il patrimonio dell’Archivio. Dopo il
docufilm “Il Principe Costante Ricostruzione” di Jerzy Grotowski al Piccolo Teatro di Milano e
Akropolis al Teatro San Leonardo di Bologna, il prossimo appuntamento si terrà il 23 ottobre al
Teatro Argentina – sala Squarzina (ore 11.00) e sarà: Peter Brook: un ricordo, un docufilm di
Ferruccio Marotti dall’Archivio Storico Audiovisivo del Centro Teatro Ateneo Dipartimento di Storia Antropologia Religioni Arte Spettacolo della Sapienza Università di Roma, con la presentazione di
Guido Di Palma.
Peter Brook – il più grande genio teatrale della seconda metà del Novecento, recentemente
scomparso – ha illuminato il percorso di una generazione di attori e spettatori, come diceva Jerzy
Grotowski
, che come lui si è dedicato alla ricerca di un teatro necessario. Ferruccio Marotti, autore
del documentario Peter Brook: un ricordo, docente di storia del teatro e dello spettacolo alla
Sapienza per cinquant’anni, ha avuto la fortuna di conoscerlo, di divenire suo amico e di invitarlo
più volte alla Sapienza. Brook tenne per gli studenti lezioni e seminari, memorabile quello del 1982
proprio con Grotowski, fino alla Laurea Honoris Causa del 1999; e anche i suoi principali
collaboratori, gli attori Bruce Myers e Yoshi Oida, tennero laboratori con gli studenti della Sapienza.
Nei suoi incontri romani, Brook racconta il senso della sua lunga avventura teatrale: in sintesi, si fa
teatro per cercare qualcosa di sconosciuto, che è l’essenza profonda della vita umana, quel che, in
modo maldestro, perché non l’abbiamo mai vista, per migliaia di anni è stata chiamata l’anima.
Progetto speciale MIC del Dipartimento di Storia Antropologia Religioni Arte Spettacolo della
Sapienza Università di Roma
, in collaborazione con Teatro di Roma – Teatro Nazionale e
Fondazione Romaeuropa.

Il progetto speciale “L’attore e il performer: tradizione e ricerca. Memorie teatrali di fine millennio
dall’Archivio Storico Audiovisivo Centro Teatro Ateneo – Dipartimento di Storia Antropologia
Religioni Arte Spettacolo della Sapienza Università di Roma
” è volto a recuperare, valorizzare e
promuovere il patrimonio conservato presso questo archivio, dai video laboratori e seminari di
Eduardo De Filippo, Vittorio Gassman, Julian Beck e Judith Malina, Jerzy Grotowski, Anatolij Vasiliev,
Carmelo Bene, Eugenio Barba e molti altri. Dal 24 maggio a dicembre 2022 una serie di eventi per
recuperare, valorizzare e promuovere il patrimonio dell’Archivio, con la direzione artistica di
Ferruccio Marotti.
Sicuramente un percorso ambizioso – sostenuto dal Ministero della Cultura tra i progetti speciali
2022 – che si è rivelato essere sin dalla fase di progettazione, di grande interesse a livello nazionale
e internazionale da parte di operatori, istituzioni e studiosi. Ulteriori appuntamenti saranno
realizzati all’interno della città universitaria. Ad ogni evento saranno invitati a partecipare
personalità del mondo dello spettacolo contemporaneo, amici e collaboratori del Centro Teatro
Ateneo
.

Ingresso libero fino esaurimento posti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.