Perché la danza? Perché è dal vivo. Intervista a Danila Blasi

Il decreto firmato lo scorso 17 maggio ha dato il via libera per l’apertura dei teatri su tutto il territorio a partire dalla metà del mese di giugno, sia per le manifestazioni all’aperto sia per gli eventi nei luoghi chiusi, mantenendo sempre le distanze e le misure di sicurezza dettate dai protocolli anti Covid-19. Abbiamo chiesto a Danila Blasi – vicepresidente dell’AIDAP-Federvivo, direttrice artistica e organizzatrice di festival, disegnatrice luci, attenta osservatrice e appassionata di danza contemporanea e molto altro ancora – di riflettere con noi sulla situazione pre/post quarantena, sugli aspetti produttivi della danza in Italia e sulla riapertura dei teatri.

Dialogo intorno a un oggetto d’amore. Incontro con Giorgio Barberio Corsetti

Giorgio Barberio Corsetti è stato il quarto ospite del ciclo di incontri “L’attore tra teatro, cinema e new media”, promosso dal progetto Per un teatro necessario, a cura del SARAS (Dipartimento di Storia Antropologia Religioni Arte Spettacolo) dell’Università La Sapienza. Nel delineare il suo percorso artistico e professionale, particolare rilevanza è stata data agli incontri di Corsetti con il corpus delle opere kafkiane e

Riflessioni sul teatro in quarantena. Intervista ad Alessandro Garzella

«Chi è l’agnello sacrificale, un vecchio in asfissia? Il suo passato? E che propizia questa fila di morti sui camion militari? Il futuro digitale che mette una pietra tombale sul respiro di un’aria infetta. Di che cosa? L’innocenza del vecchio mi commuove». Con queste parole Alessandro Garzella, autore, regista e fondatore dell’associazione ANIMALI CELESTI/teatro d’arte civile, descrive alcuni di quelli che riconosce come i segni del tragico che attraversano la pandemia. Partendo dal teatro in quarantena, abbiamo avviato una riflessione con l’artista ampliando questo sguardo.

Spin OFF w/ Uscite di Emergenza

Parola d’ordine: emergenza. Intervista a Davide Romeo, coreografo della compagnia Uscite di Emergenza

Venerdì 24 e sabato 25 gennaio l’auditorium dello Spin Time Labs ospiterà due lavori della compagnia Uscite di Emergenza, Deja Vu (2017) e Apple After Newton (2018), all’interno della programmazione del collettivo Spin off. La prima coreografia vedrà in scena Francesca Pizzuti, Gabriele Planamente e Davide Romeo; mentre la seconda Nives Arena, Marco Cappa Spina, Gaia Martinelli, Micheal Pisano, Luca Vona, Giovanna Zanchella, con gli stessi Francesca Pizzuti e Gabriele Planamente.

Unconventional Date – Edizione Zero: appuntamenti non convenzionali del venerdì sera

Il 10 gennaio 2020 inaugura Unconventional Date, edizione zero del festival pre-serale che, da questa data fino al 29 maggio, proporrà ogni venerdì (dalle 19:30 in poi) spettacoli teatrali, musica live e uno spazio “open” per diversi generi di esibizioni, includendo anche momenti di discussione e confronto. Per la serata di apertura Alessandro Blasioli con “Questa è casa mia” al Club 55 del Pigneto.

Oscillazioni per esercitare lo sguardo: Teatri di Vetro 2019

Il 16 dicembre 2019 ha avuto inizio Oscillazioni, ultimo blocco progettuale di Teatri di Vetro. Dopo il Teatro del Lido di Ostia, il festival si sposta negli spazi del Teatro India fino al 22 dicembre, inaugurando la sezione con The Undanced Dance di Paola Bianchi, #TRE della compagnia Qui e Ora assieme a Silvia Gribaudi e Matteo Maffesanti, Lei dimora nel canto_Conversazioni di Bartolini/Baronio e Himalaya Drumming di Chiara Frigo. In questa sede, diamo conto di due dei processi in atto con cui ha inizio Oscillazioni: The Undanced Dance e #TRE.